5 Giugno 2017

Impugnativa di licenziamento – Termini

L’impugnativa del licenziamento è soggetta a termini di impugnazione.

Più in particolare, l’art. 6, co. 2, I. 15 luglio 1966, n. 604 sancisce che:

Se la conciliazione o l’arbitrato vengono rifiutati o se non si raggiunge l’accordo, il ricorso al Giudice del lavoro deve essere proposto nel termine di 60 giorni dal rifiuto o dal mancato accordo.

Si ricorda che l’impugnativa del licenziamento dovrà consistere in un atto scritto, anche stragiudiziale, con cui si manifesti al datore di lavoro la volontà di contestare l’atto di licenziamento.

Inoltre, tutti i termini sopra indicati  si applicano ad ogni fattispecie di licenziamento invalido, sia se viziato da nullità, sia se illegittimo per motivi procedurali, sia se carente di giustificazione.

Viceversa, l’impugnazione  del licenziamento orale è soggetta al solo termine ordinario di prescrizione, in quanto la legge individua espressamente il dies a quo per la decorrenza della decadenza in esame nella “comunicazione in forma scritta” dell’atto di recesso.

 

Stai cercando uno avvocato del lavoro a Viterbo?

AVVOCATO MATTEO MOSCIONI

con studio in Viterbo, specializzato in diritto del lavoro ed esperto in assistenza giudiziale e stragiudiziale rivolta ad Aziende, lavoratori o Organizzazioni sindacali.

GET IN TOUCH

Per richieste di assistenza legale o consulenza in diritto del lavoro compila il form:

[contact-form-7 404 "Non trovato"]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.