L’orario di lavoro

12 Giugno 2018

L’orario di lavoro settimanale

Il parametro di riferimento nella disciplina del D.Lgs. 66/2003 è la settimana lavorativa.

In particolare:

L’orario di lavoro normale stabilito dalla legge è pari a 40 ore settimanali.

L’orario normale di lavoro settimanale può essere stabilito dal contratto collettivo in misura inferiore rispetto alla durata legale, ad esempio introducendo la settimana lavorativa di 36 o 38 ore (regime contrattuale).

Le ore di lavoro effettuate in più, rispetto alle disposizioni del contratto collettivo, saranno considerate:

  1. lavoro supplementare fino al limite legale di 40 ore;
  2. lavoro straordinario oltre le 40 ore.

Il limite massimo settimanale

La durata massima settimanale del lavoro, comprendendo sia il lavoro ordinario o normale sia quello straordinario, non può superare le 48 ore per ogni periodo di 7 giorni.

Questo limite massimo settimanale deve essere osservato come media riferita ad un periodo non superiore a 4 mesi (elevabili a 6 e fino a 12 mesi a fronte di ragioni obiettive, tecniche o organizzative) o diverso periodo specificato dal contratto collettivo.


Il riposo obbligatorio settimanale

Il lavoratore ha diritto ogni 7 giorni a un periodo di riposto di almeno 24 ore consecutive, di regola in coincidenza con la domenica, da cumulare con le ore di riposo giornaliero.

La pausa settimanale può essere calcolata anche come media in un periodo non superiore a 14 giorni.

Il diritto al riposto settimanale è irrinunciabile.

Qualora sia richiesto al lavoratore, di espletare attività lavorativa durante la domenica, al lavoratore spetterà:


 

L’orario di lavoro giornaliero e le pause intermedie

Il D.Lgs. 66/2003 stabilisce che il lavoratore ha diritto a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore (cd. riposo giornaliero).

Da questa disposizione, ne deduciamo che la durata massima della giornata lavorativa è di 13 ore.


Per un Approfondimento ulteriore

Contestazione disciplinare tardiva? Il potere disciplinare indica la facoltà del datore di lavoro di irrogare sanzioni al lavoratore che venga meno ai suoi doveri contrattuali, e precisamente agli obblighi di diligenza, obbedienza e fedeltà sanciti dagli artt. 2104 e 2105 c.c. L’esercizio di tale potere disciplianare è, comunque, sottoposto a ben precisi limiti e vincoli […]

Read More

Posso rinunciare al TFR?

Si può rinunciare al TFR? La rinuncia di un diritto, da parte del lavoratore, è ammissibile in riferimento a diritti già maturati e dal contenuto determinato (Cass. n. 3064/2013; Cass. n. 12561/2006; Cass. n. 9747/2005). Pertanto, dal momento che “il diritto alla liquidazione del trattamento di fine rapporto del lavoratore ancora in servizio è un […]

Read More

Molestie sessuali sul luogo di lavoro

Sono molestie sessuali sul luogo di lavoro “quei comportamenti indesiderati a connotazione sessuale, espressi in forma fisica, verbale o non verbale, aventi lo scopo o l’effetto di violare la dignità di una lavoratrice o di un lavoratore e di creare un clima intimidatorio, ostile, degradante, umiliante o offensivo” (art. 26, comma 2).

Read More

Stai cercando uno avvocato del lavoro?

AVVOCATO MATTEO MOSCIONI

con studio in Viterbo, specializzato in diritto del lavoro ed esperto in assistenza giudiziale e stragiudiziale rivolta ad Aziende, lavoratori o Organizzazioni sindacali.

 

5/5 (1)

Please rate this


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *