fbpx
12 Giugno 2018

L’orario di lavoro

L’orario di lavoro settimanale

Il parametro di riferimento nella disciplina del D.Lgs. 66/2003 è la settimana lavorativa.

In particolare:

L’orario di lavoro normale stabilito dalla legge è pari a 40 ore settimanali.

L’orario normale di lavoro settimanale può essere stabilito dal contratto collettivo in misura inferiore rispetto alla durata legale, ad esempio introducendo la settimana lavorativa di 36 o 38 ore (regime contrattuale).

Le ore di lavoro effettuate in più, rispetto alle disposizioni del contratto collettivo, saranno considerate:

  1. lavoro supplementare fino al limite legale di 40 ore;
  2. lavoro straordinario oltre le 40 ore.

Il limite massimo settimanale

La durata massima settimanale del lavoro, comprendendo sia il lavoro ordinario o normale sia quello straordinario, non può superare le 48 ore per ogni periodo di 7 giorni.

Questo limite massimo settimanale deve essere osservato come media riferita ad un periodo non superiore a 4 mesi (elevabili a 6 e fino a 12 mesi a fronte di ragioni obiettive, tecniche o organizzative) o diverso periodo specificato dal contratto collettivo.


Il riposo obbligatorio settimanale

Il lavoratore ha diritto ogni 7 giorni a un periodo di riposto di almeno 24 ore consecutive, di regola in coincidenza con la domenica, da cumulare con le ore di riposo giornaliero.

La pausa settimanale può essere calcolata anche come media in un periodo non superiore a 14 giorni.

Il diritto al riposto settimanale è irrinunciabile.

Qualora sia richiesto al lavoratore, di espletare attività lavorativa durante la domenica, al lavoratore spetterà:


 

L’orario di lavoro giornaliero e le pause intermedie

Il D.Lgs. 66/2003 stabilisce che il lavoratore ha diritto a 11 ore di riposo consecutivo ogni 24 ore (cd. riposo giornaliero).

Da questa disposizione, ne deduciamo che la durata massima della giornata lavorativa è di 13 ore.


Per un Approfondimento ulteriore

La tolleranza del dipendente non costituisce acquiescenza al demansionamento

la mera tolleranza del dipendente all’attribuzione di compiti meno “rilevanti” non costituisce acquiescenza al demansionamento. Infatti, in assenza di una chiara volontà di accettazione del provvedimento aziendale, è sempre consentita l’impugnazione. Lo ha ricordato la sezione lavoro della Cassazione con l’ordinanza 16594/20 del 3 agosto che ha respinto il ricorso di una società nei confronti…

Coronavirus – infortunio sul lavoro e responsabilità del datore di lavoro

Infortunio sul lavoro L’infezione da SARS-Cov-2, come accade per tutte le infezioni da agenti biologici se contratte in occasione di lavoro, è tutelata dall’Inail quale infortunio sul lavoro e ciò anche nella situazione eccezionale di pandemia causata da un diffuso rischio di contagio in tutta la popolazione. Le patologie infettive (vale per il COVID-19, così come, per esempio, per l’epatite,…


Stai cercando uno avvocato del lavoro?

AVVOCATO MATTEO MOSCIONI

con studio in Viterbo, specializzato in diritto del lavoro ed esperto in assistenza giudiziale e stragiudiziale rivolta ad Aziende, lavoratori o Organizzazioni sindacali.

 

5/5 (1)

Please rate this


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *