fbpx
23 Ottobre 2017

La modifica delle mansioni

5/5 (2)

Il datore di lavoro ha il potere di modificare le mansioni del lavoratore durante lo svolgimento del rapporto di lavoro rispetto a quanto concordato al momento dell’assunzione.


Modifica delle mansioni ai sensi dell’art. 2130 c.c.

L’esercizio di tale potere, denominato jus variandi, è disciplinato dall’art. 2103 c.c. che, come sostituito dal D.Lgs. 81/2015 in attuazione del cd. Jobs Act, dispone che:


Viene quindi legittimato il passaggio ad altre mansioni se comprese nel livello e nella categoria legale di appartenenza.


Variazione degli assetti organizzativi aziendali

La  novità del D.Lgs. 81/2015 (Jobs Act) è che il lavoratore può essere adibito a mansioni inferiori, purché rientranti nella medesima categoria legale.

L’assegnazione a mansioni inferiori deve essere giustificata però da una modifica degli assetti organizzativi aziendali che incide sulla posizione del lavoratore.


Contrattazione collettiva

Ulteriori ipotesi di assegnazione di mansioni appartenenti al livello di inquadramento inferiore, purché rientranti nella medesima categoria legale, possono essere previste dai contratti collettivi.


Accordi tra le parti

Inoltre, presso la Direzione territoriale del Lavoro, in sede sindacale o avanti alle commissioni di certificazione, possono essere stipulati accordi individuali di modifica delle mansioni, della categoria legale e del livello di inquadramento e della relativa retribuzione, nell’interesse del lavoratore alla conservazione dell’occupazione, all’ acquisizione di una diversa professionalità o al miglioramento delle condizioni di vita.


Comunicazione scritta

Il passaggio a mansioni inferiori deve essere comunicato per iscritto, a pena di nullità.


Trattamento retributivo

Il lavoratore adibito a mansioni inferiori, però, ha diritto alla conservazione del livello di inquadramento e del trattamento retributivo in godimento, fatta eccezione per gli elementi retributivi collegati a particolari modalità di svolgimento della precedente prestazione lavorativa.


Mansioni Superiori

Se il lavoratore viene adibito a mansioni superiori:


Per un Approfondimento ulteriore

La tolleranza del dipendente non costituisce acquiescenza al demansionamento

la mera tolleranza del dipendente all’attribuzione di compiti meno “rilevanti” non costituisce acquiescenza al demansionamento. Infatti, in assenza di una chiara volontà di accettazione del provvedimento aziendale, è sempre consentita l’impugnazione. Lo ha ricordato la sezione lavoro della Cassazione con l’ordinanza 16594/20 del 3 agosto che ha respinto il ricorso di una società nei confronti…

Coronavirus – infortunio sul lavoro e responsabilità del datore di lavoro

Infortunio sul lavoro L’infezione da SARS-Cov-2, come accade per tutte le infezioni da agenti biologici se contratte in occasione di lavoro, è tutelata dall’Inail quale infortunio sul lavoro e ciò anche nella situazione eccezionale di pandemia causata da un diffuso rischio di contagio in tutta la popolazione. Le patologie infettive (vale per il COVID-19, così come, per esempio, per l’epatite,…


Stai cercando uno avvocato del lavoro?

AVVOCATO MATTEO MOSCIONI

con studio in Viterbo, specializzato in diritto del lavoro ed esperto in assistenza giudiziale e stragiudiziale rivolta ad Aziende, lavoratori o Organizzazioni sindacali.

Please rate this


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *